• 13/05 @ 20:59, RT @SimoCosimelli: Nazione Futura, conservatori in un' Italia immobile - https://t.co/FBm8RTcolV @Affaritaliani @nazione_futura @francesco…
  • 12/05 @ 12:27, RT @francescogiub: Nazione Futura, conservatori in un'Italia immobile - Affaritaliani.it https://t.co/3cc0pknH9c
  • 29/03 @ 07:30, RT @francescogiub: Oggi a #Milano secondo convegno di #naziofutura @BrunettiEdo @vincesofo @CristianoPuglis @RobGaglia @lorenzdebe @Campari…
  • 24/03 @ 13:27, RT @FabioSPIacono: @Conservatoreit: La pericolosa radicalizzazione della Turchia di Erdogan @UnionMonarchica @Cons_Riform_CoR @FratellidIta…
  • 24/03 @ 13:27, RT @CeMachiavelli: @Conservatoreit intervista @DanieleScalea su mission Machiavelli e futuro #centrodestra e #sovranismo https://t.co/FQ9qc
  • 28/02 @ 20:18, RT @secolotrentino: Giovedì 2 marzo i giovani si interrogheranno sul futuro del centrodestra https://t.co/PqVbesnES0 https://t.co/KflHdPTlm8

Economia


Altro che nuova riforma, sulle pensioni serve una vera rivoluzione

Redazione di Redazione, in Economia, del

Negli ultimi dieci anni il nostro Paese, così come accaduto al resto dell’Europa, è stato soggetto a drastici cambiamenti socio-economici, cambiamenti che il mondo politico, senza stare troppo a guardare al colore della casacca, non è stato in grado di affrontare, perso in quella spirale di autoreferenzialità e vuoti decisionali che da troppo tempo caratterizza…

Così la Cina sta creando un’economia di mercato controllata dallo Stato

Daniele Dell'Orco di Daniele Dell'Orco, in Economia, del

Il modello economico cinese inizia a far paura. Così tanto da rischiare di mettere in discussione le certezze su cui si fonda da almeno un secolo il mercato Occidentale. Il Presidente della Repubblica Xi Jinping, com’è noto, dedica attenzione ai processi di “riforma e apertura” che hanno l’obiettivo di costruire un“socialismo con caratteristiche cinesi”, ossia: ruolo guida del…

La classe media è morta

Redazione di Redazione, in Economia, del

I record di Wall Street durante il primo anno di Trump? Mance. I bonus ai dipendenti concessi all’indomani del taglio delle tasse? Briciole. Il tasso di disoccupazione al 4,1 per cento? Well, not bad, but e una serie di bla bla bla. I detrattori delle politiche economiche liberiste e i cheerleader dello statalismo non si accontentano mai e continuano…

La Germania è senza governo da 6 mesi ma l’economia vola

Redazione di Redazione, in Economia, del

La prospettiva di un esecutivo di larghe intese nel caso nelle elezioni del 4 marzo nessuna coalizione riesca ad arrivare al 40% dei consensi, è di quelle che fanno tremare gli osservatori, interni ed esterni. Sono bastate le parole nefaste di Jean-Claude Juncker per far rialzare lo spread di 5 punti e far perdere lo -0,84% all’indice FtseMib…

Debito USA a $20.000 miliardi: +88% nell’era Obama, ma il mostro è Trump

Fabio S. P. Iacono di Fabio S. P. Iacono, in Economia, del

19.976 miliardi, dollari più dollari meno. Si tratta dell’ammontare del debito pubblico statunitense. Durante la doppia presidenza di Barack Obama (da gennaio 2009 a dicembre 2016), la crescita è stata di 9.370 miliardi, pari all’88% in 8 anni, ovvero al ritmo dell’8,2% all’anno, quasi 4 volte in più del Pil nominale. Sono numeri pesanti, che danno…

Gig e Sharing Economy, un mercato vivo di cui la politica non si accorge

Redazione di Redazione, in Economia, del

Tra i paradossi di questa fase politica (tra magliette gialle, cani, dentiere, pensioni per tutti, sussidi di disoccupazione…) c’è una totale disattenzione rispetto a ciò che accade nella società e alle trasformazioni in corso a proposito di nuovi lavori e creazione di ricchezza. Il lavoro tradizionale vivrà ancora, ovviamente, ma in un perimetro fatalmente destinato…

Nella zuffa delle campagne elettorali occhio al ritorno di Lady Spread

Lorenzo Castellani di Lorenzo Castellani, in Economia, del

Da queste parti, è noto, siamo soliti simulare gli “scenari del terrore“. Tuttavia, la gravità dell’impasse della situazione italiana fornisce ottimi spunti per rendere alcuni scenari non del tutto improbabili, come quello in cui dalle prossime elezioni esca un governo debole, con maggioranza numericamente flebile, oppure un Parlamento appeso, che potrebbero esporre il Paese ad…

Ceta, il cavallo di Troia del Ttip che apre la strada a ogm e pesticidi

Andrea Saponaro di Andrea Saponaro, in Economia, del

Stessa sostanza, nome diverso. Mentre tutto il mondo parlava del Ttip (Transatlantic Trade and Investment Partnership), l’accordo commerciale di libero scambio fra Usa ed Europa, in secondo piano già si muoveva il Ceta (Comprehensive Economic and trade Agreement), un trattato pressoché identico al primo, con la sola differenza che ad essere abbattuti questa volta sono…

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy