Baviera, torna il crocifisso negli uffici pubblici: la comunità islamica insorge

di Redazione
26 Aprile 2018

Torna il crocifisso in Baviera: il nuovo governatore regionale Markus Söder ha stabilito mercoledì che il simbolo cristiano dovrà essere affisso in tutti gli edifici pubblici a partire dal mese di giugno. Una decisione, questa, che ha suscitato numerose reazioni, in particolare da parte della comunità islamica, quella ebraica e di molti rappresentanti della chiesa evangelica.

“Croci e crocifissi cristiani verranno installati a partire dal 1 giugno in tutti gli uffici governativi per rimarcare l’identità bavarese e i suoi valori cristiani” ha annunciato via Facebook il politico tedesco.

Söder è stato eletto Presidente del Land più ricco della Germania a marzo del 2018 quando ha sostituito Horst Seehofer, diventato Ministro dell’Interno nel nuovo governo federale tedesco. È un esponente della CSU, partito di centro-destra, alleato della CDU di Angela Merkel. La CSU, partito regionale più conservatore del corrispettivo nazionale, ha sempre mantenuto posizioni più ferme e tradizionaliste e lo stesso Söder aveva già fatto parlare di se scagliandosi contro la poligamia e proponendo di cambiare immediatamente la legge tedesca che prevede il riconoscimento dei matrimoni poligami contratti all’estero. Inoltre, il Presidente bavarese ha proposto di avere delle classi di tedesco intensive per i figli degli immigrati per poterli insegnare non solo la lingua ma anche educarli anche ai valori cristiani ed occidentali su cui si basa la cultura bavarese e della Germania intera.

Finora la presenza di questo simbolo cristiano era concessa unicamente nei tribunali e nelle scuole pubbliche. A stabilirlo era stata una sentenza del 1995 della Corte costituzionale tedesca, che aveva posto vincoli severi, sottolineando la neutralità religiosa dello Stato.

Riscoprire i valori e l’identità cristiana, la sicurezza e l’immigrazione saranno sicuramente ancora al centro del dibattito in vista delle imminenti elezioni bavaresi il prossimo autunno.