• 07/09 @ 06:44, RT @francescogiub: Questa sera sarò in Puglia a @campuseverest per partecipare a dibattito su giovani intellettuali e giornalisti non allin…
  • 18/08 @ 10:43, RT @francescogiub: Perché per essere #competenti si deve per forza essere #progressisti o di sinistra? Ne scrivo su #nazionefutura https://…
  • 01/08 @ 14:49, RT @martinoloiacono: Bene @francescogiub e @nazione_futura che rilanciano tanti temi abbandonati dal centrodestra. Sono iniziative importan…
  • 01/08 @ 14:48, RT @francescogiub: Oggi su @Libero_official @NinnyVeneziani cita mio articolo a favore eliminazione musei gratis la domenica. Su @ItaliaOgg…
  • 23/07 @ 13:25, RT @ferrante_dbn: La solitudine di #Marchionne, da manager di successo a capro espiatorio di una classe politica inadeguata; @nazione_fut…
  • 17/07 @ 06:32, RT @interrisnews: Iniziativa di @nazione_futura contro le morti sul #lavoro #MaglietteBianche https://t.co/1miO1CfwLQ

La classe media è morta

Redazione di Redazione, in Economia, del

I record di Wall Street durante il primo anno di Trump? Mance. I bonus ai dipendenti concessi all’indomani del taglio delle tasse? Briciole. Il tasso di disoccupazione al 4,1 per cento? Well, not bad, but e una serie di bla bla bla.

I detrattori delle politiche economiche liberiste e i cheerleader dello statalismo non si accontentano mai e continuano a svilire i successi dell’attuale amministrazione seminando il panico asserendo come la classa media stia scomparendo e che Trump le darà la mazzata finale.

In effetti, su una cosa, i never Trump hanno ragione: la classe media americana sta scomparendo; ma non come la pensano i portabandiera dell’élite progressista, globalista e terzomondista. Ebbene, surprise surprise, secondo la Federal Reserve sono infatti sempre di più gli americani della classe media ad essere entrati nella fascia della classe medio-alta.

I dati attestano che il valore netto delle famiglie americane (household net worth: il valore di tutte le attività, come le azioni e il patrimonio immobiliare meno le passività come il debito ipotecario e delle carte di credito) è cresciuto più di 2 trilioni di dollari nell’ultimo trimestre del 2017 toccando un record pari a 98.746 trilioni. I valori immobiliari, che costituiscono la maggior parte della ricchezza della classe media, sono aumentati di 500 miliardi di dollari.

Non sono persone che entreranno d’emblée nel club di quell’1 per cento di famiglie che controlla il 38,6 per cento della ricchezza del paese. Tuttavia, i nuovi membri della classe medio-alta, provano che il sogno americano è alla portata di chi studia, di chi si assume rischi imprenditoriali, di chi lavora duro, di chi si aggiorna, di chi si mette in gioco. Insomma, da chi crede nelle regole e nei benefici del capitalismo.

Più si dispone di capitale in un contesto di semplificazione burocratica e basso regime fiscale, più la gente è incentivata ed incline ad assumere dei rischi professionali, fare impresa, investire nel mercato azionario, comprare immobili, investire in ricerca e innovazione.
Tradotto in soldoni: il capitalismo sta vincendo.

Martino Pillitteri

Fonte: Atlantico quotidiano

Redazione

Redazione

Nazione Futura è un magazine online di informazione politico-culturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy