• 14/10 @ 12:49, RT @francescogiub: Grazie alle più di 200 persone che ieri hanno partecipato agli Stati generali della cultura di destra. Punto di partenza…
  • 13/10 @ 11:24, RT @francescogiub: Grazie di cuore a @VenezianiMar che in prima pagina sul tempo parla del nostro evento Stati generali della cultura di de…
  • 13/10 @ 07:22, RT @francescogiub: Grazie a @alessandrogn per la pagina su @ilgiornale al convegno Stati generali della cultura di destra di oggi e per l’a…
  • 11/10 @ 21:16, RT @takethedate: #13ottobre a #Roma si terranno gli "Stati generali della cultura di Destra" @nazione_futura INFO https://t.co/4JCZZTwZFQ
  • 10/10 @ 14:00, RT @CeMachiavelli: INVITO | I riferimenti culturali della @LegaSalvini con @francescogiub @guglielmopicchi @JacopoMorrone - https://t.co/6l
  • 10/10 @ 11:44, RT @martinoloiacono: Su @AtlanticoMag racconto perché gli Stati Generali della cultura della destra sono un’iniziativa molto importante. C…

Cuba non è più comunista

Redazione di Redazione, in Economia, del

L’Assemblea nazionale cubana ha cominciato venerdì a L’Avana l’esame della bozza di nuova Costituzione, che sostituirà quella promulgata nel 1976, e nella quale non appare più alcun riferimento al “comunismo”.
Il testo sottoposto ai membri dell’organo legislativo, infatti, conferma soltanto, secondo quanto pubblicato dal quotidiano Granma, che “si ratifica il carattere socialista della Rivoluzione ed il ruolo direttivo del Partito”, nonché “la irrevocabilità del modello politico ed economico” cubano.
Il tema era stato affrontato nel dibattito in Assemblea ed un deputato aveva appunto osservato, indica Granma, che “la Costituzione del 1976 menzionava all’articolo 5 la costruzione del socialismo e l’avanzamento verso la società comunista, ed oggi invece si fa riferimento solo al socialismo”.

L’isola si appresta a riconoscere l’identità del nuovo modello della sua economia, passata da un’economia di stato socialista a un’economia di mercato internazionale. Inoltre il paese guidato per 50 anni da Fidel Castro tutelerà la proprietà privata, diritto sinora sconosciuto ai cittadini.

Nonostante le diverse rassicurazioni di Miguel Diaz-Canel, attuale presidente, “a Cuba, non ci sarà la svolta capitalista”, le influenze americane sull’economia del paese iniziano a far vacillare le basi ideologiche socialiste della storica carta costituzionale del paese.

La riforma costituzionale allo studio dell’Assemblea nazionale è composta da 224 articoli, che prevedono l’ampliamento del sistema economico del paese, incentivando forme di imprenditoria privata, che attualmente impiega circa 600mila cubani, ovvero il 13% della forza lavoro dello stato cubano.

Sembrano davvero lontani i tempi in cui a Cuba si lottava contro il nemico capitalista rappresentato in primis dagli Stati Uniti e dai paesi aderenti alle politiche e alle logiche economiche del mondo occidentale. L’Avana sembra aver capito che per sviluppare il proprio tessuto sociale ha necessariamente bisogno di ingenti capitali e di investimenti stranieri.

Redazione

Redazione

Nazione Futura è un magazine online di informazione politico-culturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy