• 13/05 @ 20:59, RT @SimoCosimelli: Nazione Futura, conservatori in un' Italia immobile - https://t.co/FBm8RTcolV @Affaritaliani @nazione_futura @francesco…
  • 12/05 @ 12:27, RT @francescogiub: Nazione Futura, conservatori in un'Italia immobile - Affaritaliani.it https://t.co/3cc0pknH9c
  • 29/03 @ 07:30, RT @francescogiub: Oggi a #Milano secondo convegno di #naziofutura @BrunettiEdo @vincesofo @CristianoPuglis @RobGaglia @lorenzdebe @Campari…
  • 24/03 @ 13:27, RT @FabioSPIacono: @Conservatoreit: La pericolosa radicalizzazione della Turchia di Erdogan @UnionMonarchica @Cons_Riform_CoR @FratellidIta…
  • 24/03 @ 13:27, RT @CeMachiavelli: @Conservatoreit intervista @DanieleScalea su mission Machiavelli e futuro #centrodestra e #sovranismo https://t.co/FQ9qc
  • 28/02 @ 20:18, RT @secolotrentino: Giovedì 2 marzo i giovani si interrogheranno sul futuro del centrodestra https://t.co/PqVbesnES0 https://t.co/KflHdPTlm8

Sondaggio choc: in Italia un musulmano su quattro è favorevole al jihad

Redazione di Redazione, in Attualità, del

Un islamico su quattro è favorevole alla guerra santa. Lo dimostra una sondaggio realizzato per il Giorno da Ipr Marketing che ha domandato a 500 musulmani se siano favorevoli al radicalismo. Il 27% dei partecipanti si è dichiarato favorevole alla causa e non ai modi scelti dai terroristi. Leggendo tra le righe per loro il Jihad, scrive il direttore di Ipr Antonio Noto, è giusta, ma è meglio combatterla senza armi. Di questa fetta di partecipanti la maggioranza, pari al 58%, è composta da persone oltre i 54 anni di età in su. Ma con il diminuire dell’età scende anche il livello di condivisione della causa. Anche se l’1% del campione si è dichiarato favorevole all’uso delle armi.

Si legge infatti che nella fascia di età che va da i dai 35 ai 54 il livello di consenso cala al 24% e nella fascia tra i 18 e i 35 arriva al 21%. È comunque da notare che anche nei soggetti più giovani la quota di adesione si stimi intorno a uno su quattro. Dal sondaggio emerge inoltre che il circa 1/3 dei musulmani ritiene che lo Stato Islamico debba conquistare le nazioni occidentali e che 38% ritiene che la politica in una nazione debba essere governata dalla religione.

E non si tratta di un caso isolato. A novembre del 2014, per esempio, due mesi prima dell’attacco a Charlie Hebdo che ha inaugurato la stagione degli attentati nel cuore dell’Europa, da un sondaggio della olandese «Motivaction» su un campione di giovani turco-olandesi (sono circa 400-500mila i turchi che vivono nei Paesi Bassi), vennero fuori risultati sorprendenti. L’80 per cento degli intervistati disse di non vedere «nulla di male» nella jihad contro i miscredenti. Il 50 per cento appoggiava apertamente l’eventuale partecipazione di musulmani d’Olanda alla guerra in Siria. Dove, d’altra parte, le milizie contrarie al presidente Bashar al-Assad erano viste come «eroi» dal 90 per cento del campione. Nonostante «solo» l’otto per cento dei turco-olandesi considerasse l’istituzione di un Califfato come preferibile a un governo democratico, il ministro degli affari sociali Lodewijk Asscher si era detto «preoccupato» per la radicalizzazione.

Redazione

Redazione

Nazione Futura è un magazine online di informazione politico-culturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2017, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy