• 13/05 @ 20:59, RT @SimoCosimelli: Nazione Futura, conservatori in un' Italia immobile - https://t.co/FBm8RTcolV @Affaritaliani @nazione_futura @francesco…
  • 12/05 @ 12:27, RT @francescogiub: Nazione Futura, conservatori in un'Italia immobile - Affaritaliani.it https://t.co/3cc0pknH9c
  • 29/03 @ 07:30, RT @francescogiub: Oggi a #Milano secondo convegno di #naziofutura @BrunettiEdo @vincesofo @CristianoPuglis @RobGaglia @lorenzdebe @Campari…
  • 24/03 @ 13:27, RT @FabioSPIacono: @Conservatoreit: La pericolosa radicalizzazione della Turchia di Erdogan @UnionMonarchica @Cons_Riform_CoR @FratellidIta…
  • 24/03 @ 13:27, RT @CeMachiavelli: @Conservatoreit intervista @DanieleScalea su mission Machiavelli e futuro #centrodestra e #sovranismo https://t.co/FQ9qc
  • 28/02 @ 20:18, RT @secolotrentino: Giovedì 2 marzo i giovani si interrogheranno sul futuro del centrodestra https://t.co/PqVbesnES0 https://t.co/KflHdPTlm8

Se rubare e accoltellare in Italia non sono più reato

Redazione di Redazione, in Attualità, del

È passata una settimana, una soltanto da quando la signora Maria Assunta Devoti è stata massacrata a colpi di cellulare e calci da una rom di appena nove anni. Eppure, quella ragazzina è di nuovo a piede libero. Il nostro ordinamento giuridico, infatti, stabilisce l’esclusione piena e assoluta dell’imputabilità per il minore infraquattrordicenne che, quindi, non può essere giudicato e punito. Affidata ad una struttura di accoglienza dalla quale è scappata dopo pochi minuti, la piccola rom è stata avvistata proprio dove si è consumata l’aggressione.

È stato scarcerato invece dopo appena 36 ore Saidou Mamoud Diallo, il 31enne della Guinea che lunedì ha accoltellato un poliziotto in stazione Centrale a Milano. Il gip Maria Vicedomini, che lo ha interrogato questa mattina nel carcere di San Vittore, ha convalidato l’arresto dell’uomo ma lo ha scarcerato con l’obbligo di firma. Per il giudice, stando a quanto riferito dall’avvocato Nicoletta Collalto, legale del giovane, l’accoltellamento non andrebbe inquadrato come tentato omicidio, ma come una conseguenza della colluttazione scaturita dalla resistenza di Diallo all’intervento delle forze dell’ordine.

Diallo è stato ora preso in carico dall’ufficio Immigrazione della Questura di Milano che si occuperà di lui perché è irregolare sul territorio italiano. Gli scenari possibili sono una sua collocazione in Cpr (Centro di permanenza per il rimpatrio) o un’eventuale espulsione sulla base di un provvedimento che pende sul suo capo da diverso tempo e mai eseguito. Sempre stando a quanto spiegato dal legale di Diallo, il presunto reato di tentato omicidio è stato “assorbito” in quello di resistenza a pubblico ufficiale. Il giovane guineano è accusato, oltre che di resistenza, anche di minaccia aggravata e detenzione abusiva di armi.

Redazione

Redazione

Nazione Futura è un magazine online di informazione politico-culturale.


2 risposte a “Se rubare e accoltellare in Italia non sono più reato”

  1. Francesco ha detto:

    I Fatti raccontano che l’intenzionale legittimazione dell’invasione africana praticata dai vertici dell’attuale Governo e della Presidenza della Repubblica funziona ed è funzionale alla destrutturazione del tessuto buono/vitale e sostenibile della civiltà popolare Italiana.
    Francesco Bergamo

  2. ROBERTO ha detto:

    CREDO CHE L’ITALIA GOVERNATA DA QUESTO GOVERNO ((( PER ME ILLEGALE ))) CI STA PORTANDO ALLO SBANDO E IN MANO AI LADRI E AI LADRONI-SIAMO INVASI DA MIGRANTI CHE IO CREDO (((((((( INVASORI )))))))) CHE PROTESTANO FANNO I LORO COMODI .ORA RUBARE,ACCOLTELLARE LE FORZE DELL’ORDINE NON è REATO ……..NON AGGIUNGO ALTRO HI HI HI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2017, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy