• 17/07 @ 06:32, RT @interrisnews: Iniziativa di @nazione_futura contro le morti sul #lavoro #MaglietteBianche https://t.co/1miO1CfwLQ
  • 12/07 @ 11:29, Negli ultimi dieci anni in Italia sono morte 13mila persone sul posto di lavoro. Nazione Futura lancia la campagna… https://t.co/8RPlBH7ipW
  • 12/07 @ 10:10, Negli ultimi dieci anni in Italia sono morte 13mila persone sul posto di lavoro. Nazione Futura lancia la campagna… https://t.co/2GJjAxd1Xo
  • 07/07 @ 16:43, RT @ferrante_dbn: @nazione_futura presenta il 12 luglio al @CircoloStampa Torino il libro #VelEni di @amendolaraf modera E. Cigolini interv…
  • 04/07 @ 06:58, Oggi al Grand Hotel Minerva di #Firenze nasce il circolo fiorentino di #nazione si parlerà di #populismo #trump… https://t.co/OLMj5XNarq
  • 13/05 @ 20:59, RT @SimoCosimelli: Nazione Futura, conservatori in un' Italia immobile - https://t.co/FBm8RTcolV @Affaritaliani @nazione_futura @francesco…

Il ritorno al passato di Tremonti: “Con la cultura non si mangia? Mai detto”

Redazione di Redazione, in Attualità, del

Era il lontano 2010 quando, l’allora ministro dei Beni e delle attività culturali Sandro Bondi, si lamentava con il suo collega Giulio Tremonti, alla guida del dicastero all’economia, dei tagli alla cultura e delle contemporanee elargizioni ai ministri leghisti. Addirittura il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi pare avesse confessato: “Quando gli si chiedono dei soldi lui risponde sempre che non ce ne sono”. Tremonti, allora, proprio riferendosi al ministro Sandro Bondi, pronunciò il fatidica frase: “Non è che la gente la cultura se la mangia”.

Da allora lo slogan è diventato un mantra per l’antipolitica. Decine e decine di giornalisti, intellettuali, opinionisti, uomini di cultura e semplici appassionati hanno citato il virgolettato del Ministro, passato tuttavia nell’immaginario collettivo come “Con la cultura non si mangia”. L’ultimo in ordine di tempo è stato in questo senso l’editore Francesco Giubilei, fondatore tra l’altro del sito ilconservatore.com, che in un’intervista rilasciata mercoledì ad Affari Italiani diceva: “In Italia, il Paese dove Giulio Tremonti ha potuto dire che con la cultura non si mangia, c’è un problema di confusione tra sponsorizzazione e mecenatismo dei privati”.

Tremonti, allora, ha voluto dire la sua precisando con una missiva di risposa:

“L’intervista di Affaritaliani.it al giovane editore Francesco Giubilei. Nell’intervista è scritto tra l’altro quanto segue: In Italia, il Paese dove Giulio Tremonti ha potuto dire che con la cultura non si mangia, c’è un problema di confusione tra sponsorizzazione e mecenatismo dei privati”.
Al riguardo mi permetto di notare che la frase citata non solo non l’ho mai pronunziata, ma l’ho sempre e sistematicamente smentita a mezzo stampa. Così che, proprio in base alla legge sulla stampa, esercito con la presente il diritto ad una citazione corretta e comunque ad una rettifica.
Anche per quanto sopra concordo comunque con il “giovane editore” sul fatto che in Italia “c’è un problema di confusione”.
Tanto cordialmente,
Giulio Tremonti

Redazione

Redazione

Nazione Futura è un magazine online di informazione politico-culturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy