• 07/09 @ 06:44, RT @francescogiub: Questa sera sarò in Puglia a @campuseverest per partecipare a dibattito su giovani intellettuali e giornalisti non allin…
  • 18/08 @ 10:43, RT @francescogiub: Perché per essere #competenti si deve per forza essere #progressisti o di sinistra? Ne scrivo su #nazionefutura https://…
  • 01/08 @ 14:49, RT @martinoloiacono: Bene @francescogiub e @nazione_futura che rilanciano tanti temi abbandonati dal centrodestra. Sono iniziative importan…
  • 01/08 @ 14:48, RT @francescogiub: Oggi su @Libero_official @NinnyVeneziani cita mio articolo a favore eliminazione musei gratis la domenica. Su @ItaliaOgg…
  • 23/07 @ 13:25, RT @ferrante_dbn: La solitudine di #Marchionne, da manager di successo a capro espiatorio di una classe politica inadeguata; @nazione_fut…
  • 17/07 @ 06:32, RT @interrisnews: Iniziativa di @nazione_futura contro le morti sul #lavoro #MaglietteBianche https://t.co/1miO1CfwLQ

Ora i monumenti del Ventennio piacciono alla sinistra… come campi rom

Redazione di Redazione, in Attualità, del

È scontro tra Luigi de Magistris e Vincenzo De Luca. L’ultimo terreno di battaglia sono le «Universiadi 2019» che dovrebbero iniziare condizionale d’obbligo considerati i ritardi accumulati e le difficoltà di avvio dei cantieri nel giugno prossimo con oltre 12mila atleti, provenienti da 170 nazioni, e un giro d’affari stimato in un miliardo di euro.

A dar fuoco alle polveri è stato il governatore, durante la consueta diretta su LiraTv del venerdì sera. «Si sente una valanga sconvolgente di chiacchiere ha detto ‘o Sceriffo. Le Universiadi partono dalla Regione che stanzia 270 milioni, il Comune di Napoli zero. Chi parla è chi non ha tirato fuori un euro». Il riferimento di De Luca è alla forzatura che l’amministrazione arancione sta facendo per insediare il villaggio degli atleti nella Mostra d’Oltremare, uno dei monumenti più belli e famosi della città, costruito dal fascismo nel quartiere di Fuorigrotta. Il piano del sindaco e del management della società partecipata, condiviso peraltro dallo stesso commissario per le Universiadi, il prefetto Luisa Latella, è di realizzare all’interno della Fiera le 240 casette-container per ospitare almeno 10mila studenti. Il costo dell’intera operazione è di circa 40 milioni di euro.

«È doveroso per chi ama e rispetta Napoli cercare alternative possibili, magari meno comode della Mostra ma troviamo un punto d’equilibrio ha rintuzzato il presidente della giunta regionale Serve un luogo comodo ma tale da non devastare la città».

Come riporta Simone Di Leo su Il Giornale.it l’installazione dell’area residenziale nella Mostra snaturerebbe il polo fieristico perché l’Agenzia per le Universiadi ha stabilito precisi parametri di «vivibilità» per i mini-alloggi che non possono essere rimpiccioliti. Il timore che serpeggia a Palazzo Santa Lucia è che l’operazione «casette prefabbricate» nasconda l’intenzione di destinare i container, terminata la manifestazione, a ospitare i rom a cui sono stati sgomberati i campi. Trasformando così la Mostra in una baraccopoli.

Ecco allora che quella sinistra che fino a qualche settimana fa spingeva sull’acceleratore per demolire ogni residuo architettonico e urbanistico che potesse rischiare di riportare alla mente dei cittadini una pagina storica da relegare all’indifferenza, ora punta al riuso, o sarebbe meglio dire sfruttamento, dei metri cubi di spazio per risolvere le emergenze che le amministrazioni contemporanee hanno creato. Comodo così, no?

Redazione

Redazione

Nazione Futura è un magazine online di informazione politico-culturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy