• 13/05 @ 20:59, RT @SimoCosimelli: Nazione Futura, conservatori in un' Italia immobile - https://t.co/FBm8RTcolV @Affaritaliani @nazione_futura @francesco…
  • 12/05 @ 12:27, RT @francescogiub: Nazione Futura, conservatori in un'Italia immobile - Affaritaliani.it https://t.co/3cc0pknH9c
  • 29/03 @ 07:30, RT @francescogiub: Oggi a #Milano secondo convegno di #naziofutura @BrunettiEdo @vincesofo @CristianoPuglis @RobGaglia @lorenzdebe @Campari…
  • 24/03 @ 13:27, RT @FabioSPIacono: @Conservatoreit: La pericolosa radicalizzazione della Turchia di Erdogan @UnionMonarchica @Cons_Riform_CoR @FratellidIta…
  • 24/03 @ 13:27, RT @CeMachiavelli: @Conservatoreit intervista @DanieleScalea su mission Machiavelli e futuro #centrodestra e #sovranismo https://t.co/FQ9qc
  • 28/02 @ 20:18, RT @secolotrentino: Giovedì 2 marzo i giovani si interrogheranno sul futuro del centrodestra https://t.co/PqVbesnES0 https://t.co/KflHdPTlm8

Roma come Manchester: con lo ius soli porteremo i tagliagole tra le nostre strade

Daniele Dell'Orco di Daniele Dell'Orco, in Politica, del

Demagogie a parte, una delle risposte al fatidico “perché in Italia fino ad ora non ci sono stati attentati?” risiede nel fatto che nelle attività belliche che si svolgono in Medio Oriente il nostro Paese gioca un ruolo quantomeno “defilato”. Le rappresaglie, infatti, sono le “scuse” principali utilizzate i tagliagole per lanciare attacchi al cuore delle capitali degli Stati che provano a farli sparire a suon di bombe. Si da il caso, poi, che quei Paesi siano gli stessi a vantare le condizioni socio-culturali in grado di scatenare le tempeste perfette, e dare modo a cani sciolti d’ogni genere di mettere in atto i loro folli progetti. Ma quelli che sono attualmente i problemi con cui devono confrontarsi Francia, Belgio, Inghilterra, Germania (per dirne alcune) sono gli stessi con cui prima o poi dovrà fare i conti anche l’Italia. Se fino ad ora il Belpaese ha fatto “solo” da trampolino di lancio per attentatori “travestiti” da profughi, i veri guai inizieranno quando questi decideranno di stabilirsi in pianta stabile a due passi dal bersaglio principe di una battaglia sempre più iconica: la Città del Vaticano.

Pur non potendo vantare un passato coloniale che abbia portato decine di migliaia di immigrati a diventare nel corso degli anni cittadini italiani a tutti gli effetti, il nostro Paese sa comunque trovare i modi più disparati per fornire assist ai gruppi del terrore. Come fa notare Gian Micalessin sul Giornale:

“Il grimaldello capace di aprire le porte al terrore e rendere anche il nostro paese inerme di fronte all’offensiva di lupi solitari, predicatori radicalizzati e cellule jihadiste si cela tra le pieghe della legge sullo ius soli approvata dalla Camera nel 2015 e pronta a venir discussa in Senato dal 15 giugno in poi. Con l’introduzione di quella legge in pochi anni diventerà impossibile ricorrere a quelle espulsioni che ci consentono oggi di neutralizzare sul nascere la minaccia jihadista rimpatriando gli stranieri sospettati di collusione con il terrorismo. Ma grazie allo ius soli diventerà inevitabile anche la moltiplicazione di quelle seconde e terze generazioni di migranti musulmani considerate l’humus ideale per la diffusione di un Islam intollerante e radicale, deciso ad anteporre le leggi coraniche a quelle dello Stato”.

E nella tanto decantata abilità dell’intelligence italiana, la possibilità di espellere i potenziali attentatori è stata decisiva: dal 2015 ad oggi sono state ben 175 le espulsioni collegate a sospette attività di terrorismo decretate, e ben 40 sono state firmate solo quest’anno dal Ministro Minniti, esponente dello stesso esecutivo che preme per l’approvazione dello ius soli.

Una riforma del diritto di cittadinanza che nel giro di una decina d’anni porterà alla creazione di vere e proprie polveriere sociali e religiose, piene di quelle schegge impazzite che guidano tir sulle folle e fanno stragi di ragazzini ai concerti. Perché non è il solo ius soli il problema –  contrapposto allo ius sanguinis in vigore tutt’ora che concede la cittadinanza solo ai figli di italiani –  e cioè la garanzia della cittadinanza per i figli minori di anche uno solo dei genitori con permesso di soggiorno nell’Unione Europea, ma pure lo ius culturae, che consentirà ai minori stranieri arrivati nel nostro Paese prima dei dodici anni di diventare italiani esibendo una semplice licenza di scuola elementare.

Ma i minori prima o poi cresceranno, e visto che è proprio tra gli immigrati di seconda generazione che si cela la concentrazione più alta di odio, rancore e radicalizzazione (spesso pure giustificata dal fatto che la cosiddetta integrazione – impossibile da realizzare – non resta altro che uno slogan), sarà solo questione di tempo prima che gli appelli stragisti provenienti dal mondo arabo radicale possano far presa su qualche “cittadino italiano” in perenne lotta contro i crociati.

Daniele Dell'Orco

Daniele Dell'Orco

Daniele Dell’Orco è nato nel 1989. Laureato in di Scienze della comunicazione presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, frequenta il corso di laurea magistrale in Scienze dell’informazione, della comunicazione e dell’editoria nel medesimo ateneo. Caporedattore del sito Ciaocinema.it dal 2011 al 2013 e direttore editoriale prima del sito letterario Scrivendovolo.com, poi di Cultora.it, carica che attualmente ricopre. Da febbraio 2015 è collaboratore del quotidiano Libero, oltre a scrivere per diversi giornali e siti internet come La Voce di Romagna e Sporteconomy.it. Ha scritto il libro “Nicola Bombacci. Tra Lenin e Mussolini” e l’ebook “Rita Levi Montalcini – La vita e le scoperte della più grande scienziata italiana” (entrambi editi da Historica), realizzato in collaborazione con MariaGiovanna Luini e Francesco Giubilei. Assieme a quest’ultimo, per Giubilei Regnani Editore, ha scritto il pamphlet “La rinascita della cultura”. Dal 2015 è co-fondatore e responsabile dell’attività editoriale di Idrovolante Edizioni.


Una replica a “Roma come Manchester: con lo ius soli porteremo i tagliagole tra le nostre strade”

  1. Alera ha detto:

    Gent.le Dott. Dell’Orco, si potrà fuggire da tutto ciò’ verso l’America , con un bel volo low- cost da 179 €

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2017, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy