• 14/10 @ 12:49, RT @francescogiub: Grazie alle più di 200 persone che ieri hanno partecipato agli Stati generali della cultura di destra. Punto di partenza…
  • 13/10 @ 11:24, RT @francescogiub: Grazie di cuore a @VenezianiMar che in prima pagina sul tempo parla del nostro evento Stati generali della cultura di de…
  • 13/10 @ 07:22, RT @francescogiub: Grazie a @alessandrogn per la pagina su @ilgiornale al convegno Stati generali della cultura di destra di oggi e per l’a…
  • 11/10 @ 21:16, RT @takethedate: #13ottobre a #Roma si terranno gli "Stati generali della cultura di Destra" @nazione_futura INFO https://t.co/4JCZZTwZFQ
  • 10/10 @ 14:00, RT @CeMachiavelli: INVITO | I riferimenti culturali della @LegaSalvini con @francescogiub @guglielmopicchi @JacopoMorrone - https://t.co/6l
  • 10/10 @ 11:44, RT @martinoloiacono: Su @AtlanticoMag racconto perché gli Stati Generali della cultura della destra sono un’iniziativa molto importante. C…

E-45, proseguono le opere di riassestamento. Ma le buche e i disagi restano

Redazione Romagna Futura di Redazione Romagna Futura, in Cronaca Romagna, del

Qual è la situazione dell’E-45? Abbiamo realizzato un foto servizio lungo la tratta da Cesena a Ravenna

Probabilmente non c’è miglior unione di parole per descriverla: temuta, ma semplicemente necessaria nel suo percorso ‘serpeggiante’ all’interno del cuore dell’Italia. Facile inquadrare il soggetto del discorso: si sta ovviamente parlando della strada statale 3 bis Tiberina, meglio nota come E-45.

Direttrice principale per attraversare gli Appennini e avvicinare la Riviera romagnola. Fonte però anche di preoccupazioni e possibili guai nell’incedere, specialmente non appena il meteo si fa cupo. L’ultima seria ‘eredità’ nella sera dello scorso 19 marzo. Il Sole era ormai già tramontato, un’insistente pioggia faceva da compagnia, soprattutto una ‘maxi-buca’ traditrice, e difficilmente visibile, attendeva il viaggiatore in direzione sud tra le uscite di Cesena Secante e Cesena via Emilia.

Chi ha subìto il colpo non ha potuto far altro che fermarsi per cambiare la gomma anteriore sinistra o attendere il carro attrezzi; chi ha retto si è comunque dovuto recare dal meccanico per valutare lo stato. E pazienza – fidatevi, non è leggenda metropolitana – se qui lui prendeva addirittura parola prima del conducente: “Lei è qui per la buca in E-45, vero?”. Più veloce di Speedy Gonzales.

Detto questo, la domanda diventa chiara. Qual è la situazione dell’E-45 ad un mese, in pratica, dall’intenso fronte di precipitazione e nevoso che ha colpito la Romagna e che ha contribuito pesantemente a ‘disintegrare’ il manto stradale? Abbiamo voluto valutarlo direttamente, effettuando questa mattina un primo viaggio sulla tratta Cesena-Ravenna andata e ritorno, annotandoci quanto è stato visto lungo il percorso.

Entrando da Cesena sud, appare subito evidente come la ‘macchina’ organizzativa per il riassestamento sia in atto. Però la ‘normalità’ ancora non c’è. Giusto qualche metro percorso ed infatti le due corsie di marcia si stringono in una. Il manto stradale in direzione sud ha subìto i peggiori danni ed è in completo rifacimento, motivo per cui chi procede verso Roma è deviato in quella che dovrebbe essere la corsia di sorpasso verso Ravenna.

Doppio senso di circolazione su un’unica carreggiata che, soprattutto alla mattina presto, comporta rallentamenti nella marcia, oltre che un progressivo peggioramento del manto in direzione nord.

Sorpassata l’uscita di Cesena via Emilia, si ripristinano le due corsie di marcia (da entrambe le carreggiate) per un breve tratto fino allo svincolo di Cesena Secante. Lo stato stradale in direzione nord non è comunque ‘buono’.

Oltrepassata l’uscita di Cesena Secante, torna il doppio senso di circolazione sulla carreggiata verso nord, fino all’uscita di Cesena nord. E permangono anche delle forti disconnessioni.

Particolarmente delicata è poi la situazione, per chi procede verso Ravenna, del tratto iniziale tra Cesena nord e l’uscita di Casemurate. Svincolo spesso usato dai cesenati per dirigersi verso la Riviera. Tratto in cui fino ad inizio settimana si procedeva nuovamente con un doppio senso di circolazione. Il manto stradale infatti presenta evidenti tratti di danneggiamento.

Procedendo, la viabilità e lo stato del manto stradale migliorano con decisione soltanto nell’ultimo tratto: tra l’uscita di Cervia e l’ingresso nella circonvallazione di Ravenna.

Nel frattempo continuano le opere di asfaltatura e procedendo verso sud (verso Roma) si ha anche l’occasione di viaggiare su tratti praticamente perfetti, come una superficie da biliardo. Il miglior passo in avanti rispetto a qualche settimana fa, quando per tutti c’era l’uscita obbligatoria a Cervia, immettendosi presso la frazione di Osteria (situata nel Comune di Ravenna) lungo la strada provinciale.

Poi però fa capolino lo svincolo di Cesena nord, il piede scivola sul pedale del freno e si mette la freccia a sinistra per entrare nell’altra carreggiata a doppio senso di marcia. Si è nel ‘cuore ferito’ dell’E-45, dove uomini e macchine si abbracciano per tornare a dare un decoro alla direttrice stradale.

Si conclude così dunque il viaggio, continueremo a monitorare la situazione per valutare gli sviluppi.

 TimoratiG

@TimoratiG

Redazione Romagna Futura

Redazione Romagna Futura


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy