• 11/11 @ 13:04, RT @francescogiub: Domani mattina dalle ore 8 sarò su La7 a Omnibus per commentare i principali fatti di attualità politica 🇮🇹 #Omnibus #om…
  • 07/11 @ 11:29, RT @ferrante_dbn: @nazione_futura organizza a #Torino un #convegno dibattito sul tema del #globalismo e #sovranismo interverranno @DiegoFus…
  • 05/11 @ 21:09, RT @francescogiub: Domani mattina dalle 9 sarò ad Agorà su Rai3, tema della puntata la #sicurezza 🇮🇹@agorarai
  • 02/11 @ 09:11, RT @francescogiub: In prima pagina su @ilmessaggeroit @ajello63 riprende proposta che ho lanciato su @ilgiornale del 4 novembre festa nazi…
  • 01/11 @ 16:48, RT @OmnibusLa7: Domani dalle 8 @Gia_Passarelli @francescogiub @claudiafusani @elisacalessi @amadori @alessandroamad5 ospiti di @Penna74 #o…
  • 31/10 @ 10:44, RT @francescogiub: Il #4novembre torni ad essere festività nazionale, serve una valorizzazione dei simboli patri italiani lo propongo oggi…

Judith Sargentini, la nemesi di Orban paladina di una sinistra che non esiste più

Daniele Dell'Orco di Daniele Dell'Orco, in Attualità, del

Sembra davvero uscita fuori da un documentario sul ’68. L’eurodeputata olandese Judith Sargentini, che ha convinto il Parlamento europeo ad avviare la procedura disciplinare contro l’Ungheria per aver infranto lo stato di diritto, al termine della votazione non ha retto le lacrime. Quello di ieri è stato di gran lunga il più grande successo della sua carriera politica, se è vero che (pur se, da classe ’74, è relativamente giovane) il suo Cv recita: consigliere comunale di Amsterdam nel 2002, capogruppo dal 2006 e lobbista per l’Istituto olandese per il Sudafrica (Niza), dove lavorava per i diritti umani, la cooperazione allo sviluppo e la democratizzazione dell’Africa australe.

Un passato nel Partito socialista pacifista, ora è la donna di punta della Sinistra Verde e membra dell’intergruppo di Strasburgo per i diritti Lgbt: quella sinistra che si oppone al sovranismo recuperando sigle e temi che risultati elettorali alla mano sono ormai pieni di polvere. Sargentini, di lontana origine italiana, viene da una famiglia “politicamente molto consapevole”, che da bambina la portava per le strade di Amsterdam a manifestare contro il nucleare. Vegetariana, quando è ad Amsterdam si muove solo in bici (ma questo è tutt’altro che straordinario: gli olandesi fanno la fortuna dell’industria delle biciclette) e conduce una feroce battaglia contro il riscaldamento globale al punto di cercare di convincere i suoi concittadini che riscaldare il patio in inverno è uno spreco di energia e di soldi.

A quel look semplice, con maglioncino verde Kermit e acconciatura spettinata, potrebbe con facilità aggiungere un Eskimo, seppur passato di moda. In realtà, lo stile Sargentini sembra ormai funzionare solo all’interno delle istituzioni. I popoli che vorrebbe difendere hanno ben altro orientamento. Lo stesso Orban, senza violare alcuna legge, ha ottenuto già nel 2010 la maggioranza parlamentare più solida affermatasi in Ungheria dalla caduta del muro di Berlino del 1989 (263 seggi sui 386 disponibili), riottenendo il mandato nel 2014 grazie alla maggioranza relativa dei consensi. A proposito di popoli, allora, sarebbe il caso di tenere a mente che 10 milioni di ungheresi non sono certo schierati dalla parte di una pasionaria fuori dal tempo che vive a 2mila chilometri di distanza.

Daniele Dell'Orco

Daniele Dell'Orco

Daniele Dell'Orco è nato nel 1989. Laureato in di Scienze della comunicazione presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, frequenta il corso di laurea magistrale in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria nel medesimo ateneo. Dirige le testate online Cultora.it e Nazione Futura.it. È collaboratore del quotidiano Libero e del sito Sporteconomy.it, ed è stato editorialista de La Voce di Romagna. Nel 2013 ha pubblicato il libro “Nicola Bombacci. Tra Lenin e Mussolini” e l’ebook “Rita Levi Montalcini – La vita e le scoperte della più grande scienziata italiana” (entrambi editi da Historica), mentre nel 2017 sono usciti in libreria "Non chiamateli Kamikaze" (Giubilei Regnani Editore) e "Città del Messico" (Historica). Dal 2015 è co-fondatore e responsabile dell'attività editoriale di Idrovolante Edizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy