“Il Sud America si tinge di arcobaleno” spiega il pensatore peruviano Miklos Lukacs

di Redazione
22 Giugno 2022

Abbiamo chiesto al pensatore peruviano Miklos Lukacs un parere sul risultato delle elezioni in Colombia e su quanto sta accadendo in Sud America.

Il crescente autoritarismo in Occidente non sarà ribaltato finché la politica e l’economia continueranno ad essere lette attraverso gli schemi del XX° secolo. A parte il Brasile e il Guatemala, con la vittoria del Petro, la Colombia e il Sud America si sono dipinti di arcobaleni, non di rosso.

Da marzo 2020 in tutto l’Occidente “destra” e “sinistra” in Sud America e Occidente hanno promosso:

-Lockdown e “vaccinazione” forzata

-drastiche riforme costituzionali

-ZERO programmi di stimolo economico reale

-Stato di sorveglianza, monitoraggio e controllo

-Censura e indottrinamento politico e mediatico

-Agenda arcobaleno completa

-Agenda energetica “verde” completa

Alcuni in misura maggiore di altri, a seconda del Paese, ma tutti allo stesso modo.

Con il discorso semplicistico e riduzionista della difesa e promozione del “mercato”, il regressionismo continua a infiltrarsi, attuare e consolidare l’agenda arcobaleno della falsa destra. È un’agenda progettata e monitorata da organizzazioni e istituzioni sovranazionali in tutti i nostri paesi. 

L’obiettivo principale del regressionismo è quello di ridefinire l’essere umano. Così facendo, ridefinisci la sua antropologia. Ridefinendo la sua antropologia, ridefinisci le sue istituzioni. Ridefinendo le loro istituzioni, ridefinisci i loro modelli di organizzazione (politica, economica e sociale). Ridefinendo i loro modelli organizzativi, ridefinisci il potere. Ridefinendo il potere, ridefinisci la verità. Ridefinendo la verità, ridefinisci le convinzioni. Il problema è che non ridefinisci nulla. Il grosso problema è che sei tu quello che ridefiniscono.

Poiché il concetto di “New Right” proposto da Agustin Laje acquista una reale utilità politica, è imperativo che sia considerato in opposizione al progressivo e alla destra e non al comunismo. Le lotte ideologiche del 21° secolo interpretate con le filosofie politiche e le ideologie del 17°-20° secolo serviranno solo a mantenere le masse distratte e illuse. Il progressismo è autoritarismo. Il suo colore non importa perché le conseguenze per le persone sono esattamente le stesse e le trappole ideologiche servono solo a facilitare il raggiungimento degli stessi obiettivi.