• 07/09 @ 06:44, RT @francescogiub: Questa sera sarò in Puglia a @campuseverest per partecipare a dibattito su giovani intellettuali e giornalisti non allin…
  • 18/08 @ 10:43, RT @francescogiub: Perché per essere #competenti si deve per forza essere #progressisti o di sinistra? Ne scrivo su #nazionefutura https://…
  • 01/08 @ 14:49, RT @martinoloiacono: Bene @francescogiub e @nazione_futura che rilanciano tanti temi abbandonati dal centrodestra. Sono iniziative importan…
  • 01/08 @ 14:48, RT @francescogiub: Oggi su @Libero_official @NinnyVeneziani cita mio articolo a favore eliminazione musei gratis la domenica. Su @ItaliaOgg…
  • 23/07 @ 13:25, RT @ferrante_dbn: La solitudine di #Marchionne, da manager di successo a capro espiatorio di una classe politica inadeguata; @nazione_fut…
  • 17/07 @ 06:32, RT @interrisnews: Iniziativa di @nazione_futura contro le morti sul #lavoro #MaglietteBianche https://t.co/1miO1CfwLQ

Storia e cambiamento sociale, il libro di Nisbet pubblicato dall’Istituto Bruno Leoni

Redazione di Redazione, in Idee, del

Storia e cambiamento sociale: il concetto di sviluppo nella tradizione occidentale di Robert Nisbet è la nuova pubblicazione di IBL Libri. Il libro è disponibile per l’acquisto sul sito www.ibl-libri.it e nelle librerie, e in formato eBook sui principali store online: Amazon, Book Republic, iTunes, Play Google.

Storia e cambiamento sociale è la biografia di una metafora. Per più di due millenni il pensiero occidentale ha spiegato l’evoluzione sociale attraverso un’immagine presa in prestito dal mondo degli organismi viventi: la metafora della crescita. Così come una pianta nasce, cresce e muore secondo una sua dinamica interna, lo stesso accade per i fenomeni sociali. Questa impostazione è alla base di quella che Nisbet chiama la teoria “sviluppista”, che ha caratterizzato gran parte delle riflessioni di filosofi, storici, letterati e sociologi, dai greci fino ai giorni nostri. Esiste infatti un nesso molto stretto tra la teoria greca dei cicli e quella moderna del progresso, entrambe figlie della stessa metafora e della medesima concezione della storia come sviluppo verso un fine.


Come scrive Sergio Belardinelli nella sua prefazione, «Storia e cambiamento sociale è forse uno dei libri più ambiziosi di Nisbet: un libro che parla di un concetto sociologico fondamentale, il cambiamento sociale, nel tentativo di sottrarlo alla sua interpretazione “sviluppista”. Infatti, il cambiamento sociale non è l’effetto di un principio che opera dall'”interno” della società stessa; scaturisce piuttosto dalla reazione degli individui rispetto a circostanze nuove, “esterne” e, il più delle volte, imprevedibili, che in vario modo irrompono nella vita di una comunità».

Robert A. Nisbet (1913-1996), tra i principali sociologi americani del secolo scorso, ha insegnato all’Università della California a Berkeley e alla Columbia University. Tra i suoi libri tradotti in italiano si segnalano: La comunità e lo Stato (1957), L’urto dei poteri nella democrazia americana (1965), La tradizione sociologica(1977) e La sociologia come forma d’arte (1981).

Redazione

Redazione

Nazione Futura è un magazine online di informazione politico-culturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy