• 13/05 @ 20:59, RT @SimoCosimelli: Nazione Futura, conservatori in un' Italia immobile - https://t.co/FBm8RTcolV @Affaritaliani @nazione_futura @francesco…
  • 12/05 @ 12:27, RT @francescogiub: Nazione Futura, conservatori in un'Italia immobile - Affaritaliani.it https://t.co/3cc0pknH9c
  • 29/03 @ 07:30, RT @francescogiub: Oggi a #Milano secondo convegno di #naziofutura @BrunettiEdo @vincesofo @CristianoPuglis @RobGaglia @lorenzdebe @Campari…
  • 24/03 @ 13:27, RT @FabioSPIacono: @Conservatoreit: La pericolosa radicalizzazione della Turchia di Erdogan @UnionMonarchica @Cons_Riform_CoR @FratellidIta…
  • 24/03 @ 13:27, RT @CeMachiavelli: @Conservatoreit intervista @DanieleScalea su mission Machiavelli e futuro #centrodestra e #sovranismo https://t.co/FQ9qc
  • 28/02 @ 20:18, RT @secolotrentino: Giovedì 2 marzo i giovani si interrogheranno sul futuro del centrodestra https://t.co/PqVbesnES0 https://t.co/KflHdPTlm8

Lituania come Ucraina, Egitto e Libia: sul Baltico la prima rivolta “pilotata”

Daniele Dell'Orco di Daniele Dell'Orco, in Idee, del

Di recente, a causa del forzoso e inutile dispiegamento di un proprio contingente su ordine della NATO ai confini con la Russia (in Lettonia), si è tornati a parlare anche dei fatti avvenuti in Lituania quasi 26 anni fa. Una pagina di storia, che a distanza di tanto tempo, continua a presentare ancora contorni a dir poco sconosciuti e controversi. E che nel 1991 ha giocato un ruolo molto importante nelle sorti che hanno poi decretato la fine del regime comunista sovietico.

Un ritratto pregevole di quei giorni tumultuosi lo offre il libro di Galina Sapoznikova, “La congiura lituana (Sandro Teti Editore), che getta luce su giorni dell’inizio del 1991 sui quali, a dire il vero poco se non addirittura nulla, è sinora trapelato. La giornalista fa persino di più, asserendo che le poche informazioni pervenute siano state persino dannose, nonché oggetto di manipolazioni e ricostruzioni menzognere. Grazie a un lavoro certosino di ricerca e raccolta di testimonianze durato oltre vent’anni, la reporter di Komsomol’skaya pravda ha raccolto voci e documenti inediti con cui fornisce una chiave di lettura molto diversa rispetto alla storiografia ufficiale.

Nel 1991, proprio mentre l’Unione Sovietica sta vivendo i suoi ultimi giorni, la Sapoznikova si trova come corrispondente nei Paesi baltici. Il 13 gennaio il gruppo alpha, le truppe antisommossa e i carriarmati entrano a Vilnius. Tredici i corpi lasciati a terra. Ed è qui che l’opinione della Sapoznikova contrasta con la versione ufficiale. Secondo l’autrice, infatti, sono stati dei cecchini (certamente non sovietici) a cominciare a sparare sulla folla. La tesi di fondo del testo, in sostanza, è che quanto successo a Vilnius somigli molto a ciò che è successo in Ucraina durante l’Euromaidan e successivamente durante le primavere arabe.

Già, perché secondo la Sapoznikova, “quella di Vilnius potrebbe essere stata una prova generale di rivoluzione colorata”. Il padre di questo tipo di rivolte sarebbe, secondo il pensiero dell’autrice, Gene Sharp, “il Clausewitz della guerra nonviolenta”.

Dalle interviste della reporter emergono testimonianze oculari da parte di partecipanti agli eventi di quegli anni, i quali cancellano il mito secondo cui nel 1991 la transizione dal socialismo all’Europa del Est avvenne in forma democratica e nel rispetto dei diritti delle minoranza, in particolare di quella russa. Dal suo libro invece emerge come la “nuova, libera e indipendente Lituania” abbia perseguitato illegalmente sia i russi rimasti sul suo territorio, che i lituani che avevano servito il loro paese in epoca sovietica. Un’opinione controcorrente quella della Sapožnikova. Può piacere o non piacere. Ma La congiura lituana. Come uccisero l’Urss e cosa accadde a chi tentò di salvarla rappresenta comunque un libro importante per cercare di comprendere i giorni difficili della fine dell’Unione Sovietica.

Daniele Dell'Orco

Daniele Dell'Orco

Daniele Dell'Orco è nato nel 1989. Laureato in di Scienze della comunicazione presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, frequenta il corso di laurea magistrale in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria nel medesimo ateneo. Caporedattore del sito Ciaocinema.it dal 2011 al 2013 e direttore editoriale prima del sito letterario Scrivendovolo.com, poi di Cultora.it, carica che attualmente ricopre. Da febbraio 2015 è collaboratore del quotidiano Libero, oltre a scrivere per diversi giornali e siti internet come La Voce di Romagna e Sporteconomy.it. Ha scritto il libro “Nicola Bombacci. Tra Lenin e Mussolini” e l’ebook “Rita Levi Montalcini – La vita e le scoperte della più grande scienziata italiana” (entrambi editi da Historica), realizzato in collaborazione con MariaGiovanna Luini e Francesco Giubilei. Assieme a quest'ultimo, per Giubilei Regnani Editore, ha scritto il pamphlet "La rinascita della cultura". Dal 2015 è co-fondatore e responsabile dell'attività editoriale di Idrovolante Edizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2017, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy