• 14/10 @ 12:49, RT @francescogiub: Grazie alle più di 200 persone che ieri hanno partecipato agli Stati generali della cultura di destra. Punto di partenza…
  • 13/10 @ 11:24, RT @francescogiub: Grazie di cuore a @VenezianiMar che in prima pagina sul tempo parla del nostro evento Stati generali della cultura di de…
  • 13/10 @ 07:22, RT @francescogiub: Grazie a @alessandrogn per la pagina su @ilgiornale al convegno Stati generali della cultura di destra di oggi e per l’a…
  • 11/10 @ 21:16, RT @takethedate: #13ottobre a #Roma si terranno gli "Stati generali della cultura di Destra" @nazione_futura INFO https://t.co/4JCZZTwZFQ
  • 10/10 @ 14:00, RT @CeMachiavelli: INVITO | I riferimenti culturali della @LegaSalvini con @francescogiub @guglielmopicchi @JacopoMorrone - https://t.co/6l
  • 10/10 @ 11:44, RT @martinoloiacono: Su @AtlanticoMag racconto perché gli Stati Generali della cultura della destra sono un’iniziativa molto importante. C…

Stamperia Pascucci (Gambettola): sette generazioni di tradizione ‘maestra’

Cristina Mazzi di Cristina Mazzi, in Cronaca Romagna, Cultura Romagna, del

Sulla tovaglia “che vola”, come la chiamano in bottega, svolazzano farfalle disegnate da Tonino Guerra. C’è anche qualche rametto verde e un prato appena tagliato. Il manufatto realizzato dall’antica Stamperia Pascucci di Gambettola sembra fatto apposta per accompagnare un lungo e affollato pranzo domenicale, di quelli tipici romagnoli. «Le tele non sono solo prodotti tessili decorativi – spiega il padrone di casa Riccardo Pascucci –, ma raccontano storie, poesie. Guardi la “Tovaglia dell’infanzia” di Federico Fellini, ad esempio. Mangiandoci sopra tornano in mente scene di vita quotidiana della nostra tradizione, richiama il sapore e il piacere della memoria».

Una memoria documentata sugli scaffali della bottega a partire dal 1826, l’anno di apertura, fino a oggi, sette generazioni dopo. Un piccolo scorcio di questo viaggio nel tempo sarà visitabile sabato e domenica, quando la Stamperia Pascucci rimarrà aperta (dalle 8 alle 12 e dalle 15 alle 18) in occasione della Mostrascambio di Gambettola.

«Sui nostri scaffali occupano un posto importante gli stampi di Sant’Antonio Abate, Santo protettore degli animali, realizzati nel corso degli anni tramite i disegni di tanti artisti – racconta Riccardo Pascucci -. I Santi protettori delle città romagnole sono stati disegnati per noi da Tinin Mantegazza, riprodotti su tela di canapa antica (40×60). Da loro derivano i nomi storici legati alla nostra terra».

La famiglia, ai tempi trasferita dalle marche a Gambettola perché attratta dalla vastità di produzione di canapa, racconta che con queste effigi, in passato, si decoravano le coperte per i buoi da usare nelle fiere di bestiame, utilizzate per proteggere gli animali dai rigori dell’inverno. Prima vera produzione tessile della stamperia. «Poi sono arrivate le tende da spiaggia, rigate e geometriche – continua Pascucci –, che piacevano, e piacciono, tanto ai turisti. Infine le tovaglie e i canovacci decorati da grandi artisti come Tonino Guerra e Dario Fo (nella foto sottostante ndr)».

«I nostri prodotti sono tutti fatti e mano e realizzati in bottega con prodotti naturali, abbiamo mantenuto nel tempo anche la tradizionale stampa a ruggine tramite l’impiego di stampi intrisi e battuti col mazzuolo, una tecnica xilografica antica profondamente legata a questa terra. Cerchiamo di stare sempre al passo con i tempi, oggi realizziamo anche dettagli, come copertine per i menù dei ristoranti e grandi arazzi. Ma i prodotti più richiesti rimangono sempre canovacci e strofinacci. Lavoriamo anche molto sui tessuti di canapa che ci portano le persone, sui quali poi stampiamo arance, limoni, melograni, fiori o le decorazioni che preferiscono».

Oggi in bottega lavorano 13 persone, insieme al via vai di ragazzi provenienti dalle scuole, i quali contribuiscono con nuovi disegni che vengono poi stampati su tela.

Cristina Mazzi

Cristina Mazzi

Cristina Mazzi

Dopo la laurea in discipline della Comunicazione all'Alma Mater di Bologna e un corso di scrittura creativa, Cristina ha iniziato a collaborare con il quotidiano nazionale il Resto del Carlino, per il quale si è occupata di scrivere articoli giornalistici di cronaca, politica, cultura e spettacoli. Scrive inoltre per riviste di economia, design e architettura e si è specializzata in social media management

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy