• 14/12 @ 09:19, RT @francescogiub: Nasce oggi @nazione_futura a Frosinone in un evento con @DiegoFusaro 🇮🇹 https://t.co/OM4F8jzZXa
  • 17/11 @ 12:16, RT @ferrante_dbn: @nazione_futura organizza il #convegno “Il Futuro di una Nazione” interverranno @DiegoFusaro Ettore Gotti Tedeschi e @fra…
  • 17/11 @ 12:16, RT @francescogiub: Interessante dibattito sul #Sessantotto a Catania questa mattina a #Muovititalia18 ora direzione #Cesena per convegno co…
  • 11/11 @ 13:04, RT @francescogiub: Domani mattina dalle ore 8 sarò su La7 a Omnibus per commentare i principali fatti di attualità politica 🇮🇹 #Omnibus #om…
  • 07/11 @ 11:29, RT @ferrante_dbn: @nazione_futura organizza a #Torino un #convegno dibattito sul tema del #globalismo e #sovranismo interverranno @DiegoFus…
  • 05/11 @ 21:09, RT @francescogiub: Domani mattina dalle 9 sarò ad Agorà su Rai3, tema della puntata la #sicurezza 🇮🇹@agorarai

Per i cittadini comuni, non sarebbe auspicabile, una patente e una licenza di porto d’armi per i droni?

Redazione Romagna Futura di Redazione Romagna Futura, in Cronaca Romagna, Cultura Romagna, del

Pochi giorni fa, a Bertinoro, un giovane usando il proprio drone per effettuare un video sulle bellezze dell’ameno borgo medioevale, ne ha perso il controllo, il piccolo velivolo si è schiantato sul campanile, il ventisettenne ha così rimediato una multa. E gli è andata bene perché negli USA si rischia fino ad un anno di carcere. Se può sembrare esagerato è perché si legge la notizia come un qualcosa di divertente sia da parte di chi usa il drone, sia da parte di chi osserva allegramente l’aggeggio, ritenendolo innocuo.

Intanto, per usare un drone, ci sono regole ben precise di cui si occupa l’Enac, l’ente che detta le regole di tutti i mezzi volanti. La presenza di un drone ad uso ludico non deve invadere la sfera personale degli altri, non si può farlo volare in un luogo pubblico, come è successo a Bertinoro, né riprendere immagini che contengano dati personali come targhe automobilistiche e indirizzi di casa, né captare conversazioni altrui, assolutamente vietato poi riprendere gli spazi privati dell’altrui casa, giardino compreso.

La diffusione di riprese realizzate con il drone può avvenire solo con il consenso dei soggetti ripresi, fatti salvi particolari usi, come quelli a fini giornalistici. Vi renderete conto che le riprese vocali e video del drone in pratica non sarebbero da fare in nessun luogo, perché anche nel posto più sperduto può esserci qualche persona o qualche appezzamento di terreno privato. Ma c’è molto di più, oltre alla privacy, sempre più tutelata dalla legge e sempre più violentata nella realtà, c’è il fatto grave, molto grave, di come la tecnologica vada più veloce della coscienza sociale e morale e della maturità delle persone.

Così ci si ritrova in mano, degli oggetti tecnologici, inconsapevoli, (anche a causa un’ignoranza di ritorno, nella mancanza di uno studio serio dell’Educazione Civica, magari con spiegazione, interrogazione e voti ndr) del corretto uso… vedasi la gara dei selfie scattati in posizioni pericolose o i video porno messi in rete per ripicca o semplicemente le robacce che a volte si ritrovano su Facebook così allegramente, purtroppo non c’è discernimento nell’uso delle nuove tecnologie.

I droni, usati per svago, per scopi fotografici o per lavoro, sono in forte crescita, comprarli è molto facile, si trovano un po’ ovunque nei negozi di elettronica; negli Stati Uniti, sono tra i regali più popolari sotto l’albero di Natale … eppure possono trasformarsi non solo in guardoni ma anche in armi. A tal proposito Gregory Chamayou un filosofo francese ha scritto un saggio intitolato: “Teoria del drone” in cui sottolinea come i droni stiano cambiando la nostra concezione della guerra, della democrazia e del controllo della società: ogni luogo diventa un potenziale sito della violenza dei droni. Le guerre dei droni sono guerre senza perdite o sconfitte, ma sono anche guerre senza vincitori e vittorie. La combinazione di questi due elementi prepara il terreno per uno stato di violenza perpetua.

La guerra dei droni ha sollevato profonde questioni etiche e costituzionali sia nelle sale del Congresso sia tra il pubblico degli Stati Uniti. Non si vuole certo demonizzare il drone: in Yemen e in Iraq vengono utilizzati per stanare ed eliminare i terroristi di Al Qaeda. In una versione meno eroica possono controllare i venditori ambulanti abusivi, lungo le spiagge d’Italia, come ha pensato di fare il Comune di Jesolo, oppure in agricoltura per monitorare la lotta alla piralide del mais, lepidottero assai dannoso, come è successo a Rovigo o ancora come a Torino, dove per la festa di San Giovanni al posto dei fuochi d’artificio hanno usato 200 droni luminosi, eliminando così il frastuono che tanto spaventa i cani. Se poi in rete gira un video, dove in una chiesa, in Brasile, l’Eucarestia per la Comunione, viene portata tramite un drone dall’ingresso direttamente sull’altare, questa specie di goliardata blasfema, non può che ulteriormente porre una domanda… per i cittadini comuni, non sarebbe auspicabile, prima dell’acquisto del drone una patente e una licenza di porto d’armi?

Paola Tassinari

Redazione Romagna Futura

Redazione Romagna Futura


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy