• 11/11 @ 13:04, RT @francescogiub: Domani mattina dalle ore 8 sarò su La7 a Omnibus per commentare i principali fatti di attualità politica 🇮🇹 #Omnibus #om…
  • 07/11 @ 11:29, RT @ferrante_dbn: @nazione_futura organizza a #Torino un #convegno dibattito sul tema del #globalismo e #sovranismo interverranno @DiegoFus…
  • 05/11 @ 21:09, RT @francescogiub: Domani mattina dalle 9 sarò ad Agorà su Rai3, tema della puntata la #sicurezza 🇮🇹@agorarai
  • 02/11 @ 09:11, RT @francescogiub: In prima pagina su @ilmessaggeroit @ajello63 riprende proposta che ho lanciato su @ilgiornale del 4 novembre festa nazi…
  • 01/11 @ 16:48, RT @OmnibusLa7: Domani dalle 8 @Gia_Passarelli @francescogiub @claudiafusani @elisacalessi @amadori @alessandroamad5 ospiti di @Penna74 #o…
  • 31/10 @ 10:44, RT @francescogiub: Il #4novembre torni ad essere festività nazionale, serve una valorizzazione dei simboli patri italiani lo propongo oggi…

Papa Francesco prepara la storica svolta nei rapporti coi Comunisti Cinesi

Redazione di Redazione, in Chiesa, del

Papa Francesco prepara la svolta nei confronti della Repubblica Popolare Cinese in nome di una nuova distensione. Una riavvicinamento, quello del Vaticano, testimoniato da un eloquente articolo pubblicato di recente su La Civiltà Cattolica di Padre Antonio Spadaro, l’unica rivista ad essere esaminata in fase di bozza dalla Segreteria di Stato della Santa Sede e ad averne l’approvazione definitiva. L’autore dell’editoriale è Padre Joseph You Guo Jiang, membro della comunità gesuita cinese. Non un punto di vista qualunque per il mondo cattolico, ma che ha una certa rilevanza e autorevolezza in ambito teologico.

Il Vaticano strizza l’occhio alla storica apertura nei confronti di Pechino e del Partito Comunista Cinese. «Nell’epoca della globalizzazione, la società e i cinesi sono diventati più aperti e tolleranti verso la Chiesa cattolica – osserva Padre Joseph You Guo Jiang -. In alcune regioni, la vita e la pratica religiosa sono cresciute. Il governo e la società cinese apprezza il ruolo e la funzione dei gruppi religiosi e l’importante contributo che essi danno ai servizi sociali».

Ufficialmente, la Santa Sede intrattiene relazioni ufficiali con circa 180 Paesi nel mondo. La sua rete diplomatica si è notevolmente ampliata sotto il pontificato di Papa Giovanni Paolo, passando da 84 paesi ai 174 della fine del suo mandato. Il Vaticano ha stabilito rapporti ufficiali anche con Tawain, ed è l’unico stato europeo ad avere una delegazione ufficiale a Mapei, mentre non ha relazioni bilaterali ufficiali con Cina, Arabia Saudita, Vietnam, Afghanistan e Corea del Nord.

La svolta, clamorosa, nelle relazioni diplomatiche con il Partito Comunista è invocata dallo stesso Padre Joseph You Guo Jiang. Il che non significa sposarne l’ideologia ma riconoscerne l’autorità: «Finché il Partito comunista cinese rimarrà l’unico partito di governo, il marxismo continuerà a essere il riferimento ideologico della società – sottolinea – perciò la Chiesa cattolica cinese è chiamata a ridefinire il suo ruolo e le sue relazioni con il Partito comunista e con la sua ideologia. Questo non significa che la Chiesa debba essere d’accordo con la politica e con i valori del Partito, ma piuttosto che essa debba trovare soluzioni flessibili ed efficaci per continuare la sua missione e il suo ministero in Cina». Un’apertura impensabile solo fino a qualche anno fa.

Redazione

Redazione

Nazione Futura è un magazine online di informazione politico-culturale.

Una replica a “Papa Francesco prepara la storica svolta nei rapporti coi Comunisti Cinesi”

  1. Francesco ha detto:

    Non condivido il pontificato di Papa Francesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy