Autore: Alessandro Rico

Quando ad essere violente sono le donne gli uomini diventano vittime di serie B

di Alessandro Rico, 8 Maggio 2019

Lo dico, lo ridico, lo sostengo, lo ribadisco: se c’è un populismo pericoloso, quello è il populismo penale. E non è il genere di populismo esclusivo dei malvagi sovranisti. Anzi. Lo dimostra l’oscena etichetta di «femminicidio», un reato che semplicemente non esiste in alcun ordinamento giuridico mondiale, con la quale le femministe nemiche dell’uomo in…


Al Colosseo Bergoglio inscena la Via Migrantis

di Alessandro Rico, 20 Aprile 2019

Aveva inaugurato la Settimana Santa incontrando Greta Thunberg a Piazza San Pietro. È uno dei due lati del suo pontificato: l’ecologismo radicale. Papa Francesco, dunque, non poteva che usare il Venerdì santo per insistere sull’altro leitmotiv del new deal ecclesiale: l’immigrazione. Jorge Mario Bergoglio è riuscito a trasformare la Via Crucis al Colosseo, con la…


L’inganno Greta

di Alessandro Rico, 17 Aprile 2019

Che papa Francesco a volte preferisca il profano al sacro non è un mistero. Si è prostrato ai piedi del leader del Sud Sudan, ma quando si trova dinanzi al Santissimo Sacramento gli fanno male le articolazioni. Persino da lui, però, ci si poteva aspettare che evitasse di utilizzare la Settimana Santa per il siparietto…


La sinistra ritorna a «mangiare» i bambini

di Alessandro Rico, 16 Marzo 2019

Un tempo i bambini li mangiavano davvero. Adesso sono diventati più furbi: li inghiottono nella grande macchina della propaganda. Il metodo cambia, la sostanza rimane la stessa: a sinistra ripartono dalla pedofagia. Gli eredi della bandiera rossa, passati dalla dittatura del proletariato alla dittatura dei competenti, funzionano come le signore: attraversano i loro «cicli», ogni…


Elezioni, la parola d’ordine adesso è: prudenza

di Alessandro Rico, 6 Marzo 2018

Domenica si sono svolte le elezioni politiche e per diverse settimane sarete bombardati da commenti e analisi politiche più o meno autorevoli. Non voglio tediarvi troppo anch’io, quindi sarò brevissimo nel presentarvi questi spunti di riflessione un po’ “random” sul significato del voto del 4 marzo. Credo si tratti di considerazioni che probabilmente non ascolterete…