• 07/09 @ 06:44, RT @francescogiub: Questa sera sarò in Puglia a @campuseverest per partecipare a dibattito su giovani intellettuali e giornalisti non allin…
  • 18/08 @ 10:43, RT @francescogiub: Perché per essere #competenti si deve per forza essere #progressisti o di sinistra? Ne scrivo su #nazionefutura https://…
  • 01/08 @ 14:49, RT @martinoloiacono: Bene @francescogiub e @nazione_futura che rilanciano tanti temi abbandonati dal centrodestra. Sono iniziative importan…
  • 01/08 @ 14:48, RT @francescogiub: Oggi su @Libero_official @NinnyVeneziani cita mio articolo a favore eliminazione musei gratis la domenica. Su @ItaliaOgg…
  • 23/07 @ 13:25, RT @ferrante_dbn: La solitudine di #Marchionne, da manager di successo a capro espiatorio di una classe politica inadeguata; @nazione_fut…
  • 17/07 @ 06:32, RT @interrisnews: Iniziativa di @nazione_futura contro le morti sul #lavoro #MaglietteBianche https://t.co/1miO1CfwLQ

Una maglietta bianca per Luca

di Ferrante De Benedictis, in Attualità, del

Luca era un ragazzo di 37 anni morto sul lavoro, l’ennesima morte bianca, l’ennesima tragedia che insanguina le nostre aziende, che disonora un Paese nella cui Costituzione all’art. 1 recita “L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro”.

Il lavoro appunto, quello che dovrebbe portare serenità e sicurezza nelle famiglie, quello che dovrebbe nobilitare l’uomo, offrirgli la speranza per un domani radioso, ed invece si trasforma in uno spietato killer, portatore di disgrazia, che lascia nella paura e nel dolore una moglie ed un piccolo pargolo, il lavoro che doveva garantire a quel bimbo il futuro glielo ha cancellato portandosi via per sempre il suo papà.

Un fatto che di per sé dovrebbe scuotere le coscienze di tutti, ancor di più nel momento in cui si scopre che Luca aveva un contratto di soli 6 giorni; sei giorni per sopravvivere, sei giorni per morire, un vero insulto alla dignità di un uomo, e che segna la vittoria della logica del profitto e la conseguente definitiva sconfitta della centralità della persona, che da fine diventa mezzo, merce, strumento di profitto.

Un’altra morte bianca, assurda, incomprensibile, ma l’ennesima in un paese dove come scrive Veneziani si è barattato la morale tradizionale con il moralismo ideologico e bigotto e la cui ultima pantomima si è materializzata nell’orgoglio di esporre una maglietta rossa, non importava la marca purché rossa, ed in tanti hanno aderito per solidarietà ai migranti, e per Luca che maglietta indossiamo?

Per noi Luca è un eroe che accetta un contratto di soli sei giorni, che lo fa mettendo a rischio la sua vita, perché con soli 6 giorni di contratto quale formazione e addestramento ha ricevuto Luca?

Nazione Futura ha scelto di dare un segnale forte, un grido di dolore e speranza in grado di squarciare il velo dell’indifferenza, e anche se farà meno rumore delle magliette rosse, la nostra maglietta è bianca, #magliettabianca che mai più dovrà macchiare con il colore del sangue di un altro operaio, bianca come lo sono le troppe tante morti sul lavoro che nei soli primi 5 mesi del 2018 hanno toccato quota 389, bianca come il candore e la purezza che rende nobile una morte così triste.

Non possiamo continuare a fingere di non vedere e voltarci dall’altra parte, dietro ogni morte c’è un dramma sociale, una sconfitta per un’Italia che non è in grado di creare occupazione e di proteggere chi un’occupazione è costretto ad accettarla per sopravvivere, per offrire una flebile speranza ad un bimbo e ad una moglie che attenderà in vano il suo eroe.

Una maglietta bianca per Luca, una maglietta bianca per tutti coloro che credono che un’Italia migliore sia ancora possibile!

Ferrante De Benedictis


2 risposte a “Una maglietta bianca per Luca”

  1. Marcello ha detto:

    Alla morte di un padre e della sua dignità, basta slogan elettorali , indosso anche io la maglia della dignità. Grazie Ferrante per avermi indicato il colore , quello bianco come dovrebbe essere la nostra coscienza, ormai imbastardita da troppi compromessi.

  2. Vincenzo de benedictis ha detto:

    Complimenti all’iniziativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy